Home » Servizi » Pensione » Costruisci la tua pensione » Autorizzazione ai versamenti volontari

Autorizzazione ai versamenti volontari

cos'è

Cos'è

L’autorizzazione ai versamenti volontari viene richiesta dai lavoratori che hanno cessato l’attività lavorativa o i cui accrediti sono al di sotto dei minimali e consiste nella possibilità di versare dei contributi per incrementare l’anzianità contributiva. La contribuzione volontaria è utile sia per il diritto che per la misura della pensione di vecchiaia, anzianità, inabilità e pensione indiretta. Non può essere utilizzata per maturare il requisito pensionistico per la pensione anticipata liquidata con il sistema contributivo.

Per gli iscritti all’ex INPDAP la prosecuzione volontaria produce l’effetto di conservare la condizione di “iscritto”. L’INPDAP esclude, l’ammissione alla prosecuzione volontaria al fine di maturare, successivamente alla cessazione dal servizio, i requisiti per i trattamenti di invalidità a proficuo lavoro o alla mansione.

Per ulteriori informazioni e per presentare la domanda all’INPS, contatta la nostra sede più vicina.

20

Il servizio è gratuito per gli iscritti CGIL

SCADENZA

Entro 6 mesi dalla cessazione dell’attività lavorativa

man

CHI NE HA DIRITTO

I requisiti richiesti per ottenere l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari sono:

  • Almeno 5 anni di contributi effettivi riferiti a qualsiasi epoca.

Oppure

  • Almeno 3 anni di contributi effettivi nei 5 anni precedenti la domanda di autorizzazione.

Non sono considerati utili al perfezionamento del requisito i periodi di contribuzione figurativa e il servizio di leva (contribuzione non considerata “effettiva”). Per l’INPS il requisito contributivo per il rilascio dell’autorizzazione ai versamenti volontari può essere perfezionato anche mediante il cumulo dei contributi versati in diverse gestioni dell’Assicurazione Generale Obbligatoria o contribuzione versata in paesi dell’Unione Europea o paesi convenzionati con l’Italia.

Per l’INPDAP, il requisito del triennio nell’ultimo quinquennio si deve verificare utilizzando esclusivamente la contribuzione accreditata nella cassa di appartenenza, senza possibilità di utilizzo di quella versata in altri fondi.

man

DOCUMENTI NECESSARI PER AVVIARE LA PRATICA

Carta d'identità e codice fiscale del richiedente

Eventuale lettera di cessazione del rapporto di lavoro o scadenza contrattuale

Eventuale lettera di sospensione del rapporto di lavoro

Eventuale contratto di lavoro per rapporti di lavoro part-time

download

Scarica l'elenco dei documenti